Grafica - Grafica vettoriale - SVG

Il formato SVG, cos’è e a cosa serve

Il termine SVG non è altro che l’acronimo di Scalable Vector Graphics – Grafica Scalabile Vettoriale in italiano – e indica una tecnologia in grado di visualizzare oggetti di grafica vettoriale basata sul linguaggio XML. Di grafica vettoriale ne abbiamo già parlato nel nostro precendete articolo “Differenze tra formato vettoriale e formato raster“. Per rinfrescare la memoria possiamo affermare che nella grafica vettoriale un’immagine è descritta mediante un insieme di figure geometriche che definiscono punti, linee, curve e poligoni ai quali possono essere attribuiti colori e anche sfumature.

La potenzialità di un’immagine vettoriale è la possibilità di ridimensionare a piacere qualsiasi elemento grafico, mantenendone la qualità. L’immagine così può essere riprodotta su supporti di differente natura (stampa, video, plotter, schermo di cellulare ecc.), mantenendo la massima qualità che quei supporti possono fornire.

Il formato SVG nel web

Per la sua potenzialità – mantenere la definizione dell’immagine indifferentemente dalla dimensione stessa – e leggerezza, il formato SVG risulta essere ideale per un utilizzo web. Inoltre questo formato è perfetto per la SEO.

Quando è sconsigliato l’uso del formato SVG

Il file SVG è perfetto per immagini che devono essere scalate e devono mantenere sempre la stessa qualità. Si pensi al proprio logo aziendale, ai marchi dei produttori dei prodotti che vendiamo o anche alle icone dell’interfaccia grafica del nostro portale.

Purtroppo questo formato, per sua natura, non è il massimo per fotografie o immagini complesse. Una foto, con la sua distribuzione organica di colori, sfumature e linee, è troppo complicata perché sia sensato trasformarla in vettore solo per ridurne il peso.

Quindi per mostrare immagini, fotografie, composizioni è necessario scegliere, in base alle caratteristiche dell’immagine stessa, un formato più appropiato (jpg, png, webp) tenendo conto, ovviamente, della pesantezza del file dell’immagine.

Come aprire un file SVG

Come aprire un file SVG?
È possibile aprire un file SVG con qualsiasi sistema operativo. Propio per la sua natura, essendo basato sul linguaggio XML, un file SVG può essere aperto con qualsiasi editor di testo o software di disegno. Per visualizzarlo semplicemente va benissimo anche il browser web a noi più congeniale.

Se si desidera creare un file SVG, uno dei metodi più efficienti è utilizzare Adobe Illustrator. Ma ci sono molte altre opzioni e diversi altri programmi, anche gratuiti, a disposizione. GIMP (GNU Image Manipulation Program), ad esempio, offre la possibilità di creare e modificare un file SVG in modo semplice.

Problemi di sicurezza per gli SVG

I file SVG contengono codice nel linguaggio XML che è simile all’HTML. Il browser o il software di editing SVG analizza il linguaggio di markup XML per visualizzare l’output sullo schermo.

Tuttavia, questo apre il sito web a possibili vulnerabilità. Infatti un codice malevole può essere utilizzato per ottenere l’accesso non autorizzato ai dati degli utenti, innescare attacchi di forza bruta o attacchi di scripting cross-site.

La soluzione migliore è quella di utilizzare solo file SVG creati da fonti affidabili e di limitare il caricamento di SVG solo agli utenti fidati. Quindi, se i file SVG provengono da una fonte nota e sicura, non c’è nulla di cui preoccuparsi.

In conclusione

Ha senso usare le immagini SVG solo per grafiche e non per le foto. Infatti, poichè si tratta di mappe di linee e colori, la dimensione rimane ridotta solo se il contenuto è semplice in termine di quantità di linee e colori.

Una foto, con la sua distribuzione organica di colori, sfumature e linee, è troppo complicata perché sia sensato trasformarla in vettore solo per ridurne il peso. Diverso il discorso per quello che riguarda la possibilità di ridimensionamento.

Il nostro consiglio è di riservare l’utilizzare del formato SVG solo per loghi e icone.

Leave a Comment