Grafica - Grafica vettoriale - SVG

Il formato SVG, cos’è e a cosa serve

Il termine SVG non è altro che l’acronimo di Scalable Vector Graphics – Grafica Scalabile Vettoriale in italiano – e indica una tecnologia in grado di visualizzare oggetti di grafica vettoriale basata sul linguaggio XML. Di grafica vettoriale ne abbiamo già parlato nel nostro precendete articolo “Differenze tra formato vettoriale e formato raster“. Per rinfrescare la memoria possiamo affermare che nella grafica vettoriale un’immagine è descritta mediante un insieme di figure geometriche che definiscono punti, linee, curve e poligoni ai quali possono essere attribuiti colori e anche sfumature.

La potenzialità di un’immagine vettoriale è la possibilità di ridimensionare a piacere qualsiasi elemento grafico, mantenendone la qualità. L’immagine così può essere riprodotta su supporti di differente natura (stampa, video, plotter, schermo di cellulare ecc.), mantenendo la massima qualità che quei supporti possono fornire.

Il formato SVG nel web

Per la sua potenzialità – mantenere la definizione dell’immagine indifferentemente dalla dimensione stessa – e leggerezza, il formato SVG risulta essere ideale per un utilizzo web. Inoltre questo formato è perfetto per la SEO.

Quando è sconsigliato l’uso del formato SVG

Il file SVG è perfetto per immagini che devono essere scalate e devono mantenere sempre la stessa qualità. Si pensi al proprio logo aziendale, ai marchi dei produttori dei prodotti che vendiamo o anche alle icone dell’interfaccia grafica del nostro portale.

Purtroppo questo formato, per sua natura, non è il massimo per fotografie o immagini complesse. Una foto, con la sua distribuzione organica di colori, sfumature e linee, è troppo complicata perché sia sensato trasformarla in vettore solo per ridurne il peso.

Quindi per mostrare immagini, fotografie, composizioni è necessario scegliere, in base alle caratteristiche dell’immagine stessa, un formato più appropiato (jpg, png, webp) tenendo conto, ovviamente, della pesantezza del file dell’immagine.

Come aprire un file SVG

Come aprire un file SVG?
È possibile aprire un file SVG con qualsiasi sistema operativo. Propio per la sua natura, essendo basato sul linguaggio XML, un file SVG può essere aperto con qualsiasi editor di testo o software di disegno. Per visualizzarlo semplicemente va benissimo anche il browser web a noi più congeniale.

Se si desidera creare un file SVG, uno dei metodi più efficienti è utilizzare Adobe Illustrator. Ma ci sono molte altre opzioni e diversi altri programmi, anche gratuiti, a disposizione. GIMP (GNU Image Manipulation Program), ad esempio, offre la possibilità di creare e modificare un file SVG in modo semplice.

Problemi di sicurezza per gli SVG

I file SVG contengono codice nel linguaggio XML che è simile all’HTML. Il browser o il software di editing SVG analizza il linguaggio di markup XML per visualizzare l’output sullo schermo.

Tuttavia, questo apre il sito web a possibili vulnerabilità. Infatti un codice malevole può essere utilizzato per ottenere l’accesso non autorizzato ai dati degli utenti, innescare attacchi di forza bruta o attacchi di scripting cross-site.

La soluzione migliore è quella di utilizzare solo file SVG creati da fonti affidabili e di limitare il caricamento di SVG solo agli utenti fidati. Quindi, se i file SVG provengono da una fonte nota e sicura, non c’è nulla di cui preoccuparsi.

In conclusione

Ha senso usare le immagini SVG solo per grafiche e non per le foto. Infatti, poichè si tratta di mappe di linee e colori, la dimensione rimane ridotta solo se il contenuto è semplice in termine di quantità di linee e colori.

Una foto, con la sua distribuzione organica di colori, sfumature e linee, è troppo complicata perché sia sensato trasformarla in vettore solo per ridurne il peso. Diverso il discorso per quello che riguarda la possibilità di ridimensionamento.

Il nostro consiglio è di riservare l’utilizzare del formato SVG solo per loghi e icone.

Smart Working - Sicurezza informatica

La sicurezza informatica sotto l’ombrellone

Ultimamente abbiamo scoperto, grazie e anche purtroppo alla pandemia, le comodità dello smart working. Un modo di lavorare che può venire utile anche per risolvere problemi non derogabili anche sotto l’ombrellone o in qualsiasi altro posto di villeggiatura.

Un modo certamente comodo ma che non deve far rimenticare i rischi sulla sicurezza informatica che rimangono se non addirittura aumentano. La sicurezza informatica non va mai dimenticata e piccoli accorgimenti possono aiutarci. Quali sono? Semplice, basta seguire questi semplici consigli e ovviamente “usare la testa” sempre e comunque.

I nostri consigli

Aggiornare sempre i dispositivi

Bisogna sempre tenere aggiornati i dispositivi che si usano. Aggiornamenti del sistema operativo, nuovi firmware e quant’altro vengono rilasciari per risolvere bug precedenti. Un dispositivo aggiornato sarà di certo più protetto rispetto ad uno non aggiornato.

Connettersi a una VPN

Usare una VPN per connettersi alla rete aziendale (se non sai cosa sia una VPN puoi leggere il nostro articolo VPN? Cosa significa e a che serve).
Usando una VPN, il computer si comporterà come se fosse connesso direttamente alla rete aziendale.

Fare i backup

I backup sono importantissimi, non sono un optional. Avere a disposizione un backup “fresco” consente di uscire da situazioni critiche con pochi problemi. Un backup ridondante inoltre alza il livello di sicurezza.

Non fidarsi delle reti wi-fi pubbliche

Anche se connettersi ad una di essere può essere comodo dal punto di vista della sicurezza è meglio lasciar perdere. Le reti wi-fi pubbliche sono rischiose poichè non si ha la certezza che tali reti siano adeguatamente protette.

Non usare PC pubblici per comunicazioni importanti

Utilizzare computer pubblici o quelli di un internet point per attività di lavoro è sconsigliato. Il motivo è semplice: non si conoscono i sistemi di sicurezza adottati. Supporniamo che su di un computer del genere sia installato un keylogger, tutti i nostri dati sarebbero in mano a sconosciuti. Dati che potrebbero compromettere anche l’intera sicurezza aziendale o ledere la propria privacy.

Non divulgare le proprie password

Mai dare dati sensibili in giro. In questo caso vale la regola del “fidarsi è bene, non fidarsi è meglio”. Nel caso in cui vengano rischiesti, magari tramite email, controllare sempre il mittente e il dominio dell’email ricevuta. In caso di dubbio meglio lasciar perdere.

Doppio livello di protezione

Non parliamo di creme solari o altro, ma di sistemi di autenticazione. L’autenticazione a più fattori è un metodo che può bloccare l’accesso nel caso in cui una password venga compromessa da un attacco di phishing o nel caso di tentativi di intrusione. Un metodo in più per la sicurezza che di certo non farà male.

Questi sono i nostri semplici consigli che valgono tutto l’anno e non solo nel periodo estive. Ricordiamo che la sicurezza informatica, l’aggiornamento e la manutenzione di un sito internet sono importanti e non vanno in nessun caso sottovalutati.

Ricerca - motori di ricerca - search engine

Come funziona un motore di ricerca

Un motore di ricerca, conosciuto in inglese come search engine, è un software che analizza un insieme di dati e restituisce un indice dei contenuti disponibili. I risultati vengono classificati in modo automatico in base ad algoritmi e formule statistico-matematiche che indicano il grado di rilevanza data una determinata chiave di ricerca.

Ad oggi, con quasi due miliardi di siti internet, i motori di ricerca trovano maggiore utilizzo nel web. Scopriamo come funziona un motore di ricerca e come fa a consertirci di trovare quello che cerchiamo con una “semplice” ricerca.

Come funziona un motore di ricerca

Un motore di ricerca per poter fornire i risultati svolge tre particolari funzioni:

  • scansione (crawling)
  • indicizzazione (indexing)
  • ranking e creazione di SERP (searching)

Grazie alla sinergia di questi tre processi è possibile ottenere in pochi istanti i risultati. Tali risultati vengono visualizzati sotto forma di pagina web (SERP – Search Engine Results Page) ed organizzati per ranking, della nostra ricerca effettuata.

Quotidiamente si cerca di scalare il più possibile la posizione in SERP per arrivare alle prime posizioni. Purtroppo, l’algoritmo utilizzato in un motore di ricerca non lo si conosce ma viene di aiuto conoscere il funzionamento di questi step per cercare di sfruttare i loro meccanismi di posizionamento a nostro favore.

La scansione (crawling)

La prima fase del processo di indicizzazione avviene attraverso la scansione del web per conto del motore di ricerca. Questo lavoro viene affidato ai cosiddetti spider (o crawler o robot). Questa scansione parte dai siti ritenuti più autorevoli per poi arrivare a tutti i portali.

Gli spider in questa fase esaminano il codice html di tutti i documenti presenti sul web, qualsiasi sia la sua natura (testo, immagini, video). Lo spider eseguendo questo processo si sofferma sulle parti specifiche che compongono il codice (parsing). In particolare:

  • titolo della pagina
  • meta description
  • alt text delle immagini
  • testo in grassetto
  • testo in corsivo
  • link – collegamento

Tra queste specifiche componenti il software andrà alla ricerca delle keyword – parole chiavi – ricorrenti e di rilievo che saranno poi utilizzate nel processo di indicizzazione. Lo spider in questa fase compilerà un database consultabile dal motore di ricerca.

Il lavoro fatto dallo spider sul web, è possibile grazie capacità che questi software hanno di riconoscere i link e contemporaneamente utilizzarli per spostarsi da una pagina web ad un’altra.
Questo processo è ovviamente iterativo, lo spider a intervalli regolari ritornerà sui siti già scansionati alla ricerca di variazioni e nuovi contenuti.

In caso lo spider rilevi delle novità, salverà di volta in volta l’ultima versione del sito web.

Indicizzazione (indexing)

Dopo la fase di crawling la mole di dati trovata viene messa in ordine e catalogata. Il serach engine attraverso particolari algoritmi proprietari classifica le pagine per parole chiave (le keyword individuate dallo spider), categorie, tematiche e in base a diversi altri parametri creando un archivio.

I dati recuperati possono essere indicizzati in diversi livelli. Infatti i dati possono essere archiviati in modo permanente o temporaneo, o possono essere inseriti in indici secondari o specializzati, come ad esempio nell’indice riservato alle immagini.

Nel momento in cui un utente sfrutterà un motore di ricerca per eseguire un ricerca on line il motore non andrà a consultare l’intero web, ma il proprio database contenente i dati già ordinati. Grazie a questo processo è possibile ottenere in maniera quasi istantanea una pagina SERP con i risultati di ricerca già perfettamente ordinati.

Ranking e creazione della SERP

Quando l’utente avvierà la propria ricerca, il motore di ricerca andrà a mettere in atto tutti gli step dei suoi algoritmi, prelevando dalle tabelle del database i documenti più semanticamente vicini alla query, ordinandoli poi nella pagina dei risultati della nostra ricerca.

Per poter restituire questo tipo di risultato, un motore di ricerca deve tenere conto diversi fattori, parliamo di centinaia di fattori. In principali di cui deve tenere conto sono:

  • la qualità del sito
  • le parole più frequentemente ricercate all’interno della pagina
  • la presenza o meno delle parole che vanno a formare la query nell’URL, nel meta-tag title, nel titolo e nelle prime righe del testo
  • i sinonimi delle parole ricercate nel testo
  • l’importanza del sito, stabilita dal motore di ricerca attraverso l’analisi semantica e l’analisi dei link in entrata verso di esso

Alcuni di questi fattori sono conosciuti e sono stati confermati da Google, mentre altri invece sono custoditi gelosamente per evitare la manipolazione dei risultati.

Analisi semantica e analisi dei link

L’analisi semantica è lo strumento attraverso il quale un search engine (il motore di ricerca per intenderci) riesce ad individuare all’interno del suo database i record associati ad un gruppo di parole e frasi (query). Con l’analisi dei link, invece, viene stimata la quantità e la qualità dei link in entrata (backlink) verso una determinata risorsa.

Con questo tipo di valutazione il motore di ricerca riesce a stabilire il valore di un contenuto web e può separare i siti web quelli utili da quelli meno utili.

Lo sviluppo e il futuro dei motori di ricerca

L’evoluzione degli algoritmi dei motori di ricerca si basa sull’analisi semantica dei termini e sulla conseguente creazione di reti semantiche. Lo stesso Google ha adottato sistemi per la prevenzione dell’errore e la contestualizzazione dei risultati.

Oggi i motori di ricerca basano le proprie tecnologie sia sull’analisi quantitativa dei contenuti (le parole in sé), sia soprattutto su quella qualitativa (la semantica, il senso delle parole) basandosi anche sul contesto in cui le parole sono inserite.

Con la costante evoluzione internet sta diventando sempre più a misura d’uomo e di conseguenza oggi i motori di ricerca sono in grado di proporre in maniera autonoma alcuni “contenuti su misura”. È probabile che in un futuro non molto lontano i motori di ricerca, ancor primaa di essere interpellati, saranno in grado di selezionare le notizie più attinenti all’utente. Per fare ciò i search engine dovranno sempre di più conoscere ogni singolo utente, andando a spulciare ogni dato personale con le conseguenti problematiche relative alla tutela e trattamento dei dati personali degli utenti.

Saremo in grado di trovare il giusto equilibrio tra utilità e tutela privacy? È un argomento molto importante che merita ulteriori indagini a venire.

Browser e motore di ricerca

Differenza tra motore di ricerca e browser

Nonostante la tecnologia sia entrata a pieno titolo all’interno del nostro quotidiano capita, ancora oggi, di fare confusione con i termini informatici. Ciò avviene soprattutto a chi si avvicina alla tecnologia per la prima volta oppure la usa da semplice utente ignorando terminologia e significato.

È anche vero che negli ultimi anni siamo stati letteralmente inondati di nuovi termini tecnologici, per cui tenere il passo non è sempre facile.

Due termini, in particolar modo, sono molto usati: browser e motore di ricerca. Questi termini a volte vengono confusi tra di loro. Cerchiamo di spiegare in modo semplice e chiaro i rispettivi significati e di capire, così, la differenza.

Il browser

Con il termine “browser” si indica un programma che consente di navigare su internet visionando i numerosi siti presenti.

Quando si avvia un browser, cliccando sulla relativa icona, si apre una finestra dove, nella parte superiore, appare un rettangolo orizzontale stretto e lungo nel quale è possibile inserire gli indirizzi dei siti internet (es. www.alphadev.it). Questo rettangolo prende il nome di “barra degli indirizzi”.

Supponiamo di utilizzare come browser il famoso Google Chrome. Quando si apre il browser (compare in ogni altro browser ndr) sulla barra degli indirizzi si nota, all’estremità sinistra, un piccolo lucchetto. Questa piccola icona, se appare come un lucchetto chiuso, indica che la connessione è codificata e sicura tra noi ed il server del sito che si visita. Altrimenti può comparire un lucchetto aperto o la dicitura “non sicuro” che indica appunto una connessione non protetta. A seguire il prefisso sempre uguale dell’indirizzo costituito da due punti, doppia barra obliqua (doppio slash), e l’indirizzo vero e proprio del sito.

Il browser, quindi, non è altro che un software che consente di navigare su internet. Esso, infatti, svolge il ruolo di “intermediario” tra noi e un determinato portale che si vuole visitare.

Il motore di ricerca

Un motore di ricerca è un software che consente di ricercare un sito tramite una parola di ricerca generica mostrando in una pagina dei risultati, chiamata SERP, l’elenco di tutti i siti correlati a quella parola o frase. Si capisce che un motore di ricerca ci consente di trovare un portale anche se non conosciamo il suo URl, ma non può essere utilizzato per navigare su di un sito.

Un motore di ricerca, che possiamo utilizzare tramite l’utilizzo di un browser, si presenta con un box, una striscia rettangolare allungata, dentro il quale possiamo digitare o la nostra parola chiave o addirittura una frase. Tale rettangolo prende il nome di “barra della ricerca”.

Ad oggi il motore di ricerca più conosciuto e usato è Google, ma ve ne sono molti altri come ad esempio Bing il motore di ricerca marchiato Microsoft.